Archivi del mese: agosto 2016

noi….un anno dopo….

Risultati immagini per angelo e demone

Un anno fa, le mani del cuore mio si intrufolarono dentro le segrete stanze dell’anima sua, alla ricerca di un solo respiro…l’unico che potesse dar vita al sogno di tutti sogni…

E’ rimasto puro nella sua ombra nera…

Disarmante nel suo brillante sguardo..

Ardente nelle sue sublimi fiamme…

Caldo e deciso nel suo modo di proteggermi…

Determinato nel tenermi stretta fra le sue forti braccia…nella bocca…nel cuore.

 E’ Amore Assoluto quello che sento ancora oggi per lui…tatuato in ogni mia cellula.

 Visibile come allora e’ il colore dei fremiti che questo cuore stringe a se…

il suo sangue morde come bacia…

Linfa necessaria…tatuato nel mio essere, oltre al per sempre.

La sua voce continua ad essere la dimora dei miei sensi…

I suoi palpiti, come onde si immergono nel torrente della mia mente.

 Se fossi un uomo, vorrei essere Lui…

per la forza, la sensibilità, la determinazione e il coraggio nell’affrontare ogni ostacolo e/o difficoltà che si presenta…senza mai mollare ne abbattersi…..superandolo.

 Amo la sua notte come il suo giorno…il bianco e il nero…

Amo sentirmi un tutt’uno con lui…

Amo vivere in lui, con lui.

 Lui il sogno di tutti i sogni…in questa vita….realtà.

 Oggi da allora…l’anima sua completa e totalizza la mia.

 Per la vita

Sua…

Tua

Hellah

IMG_5998

 Ho sperimentato una cosa in quest’anno di vita:

ho  sperimentato che la conoscenza per via “estetica” surclassa quella per via “logica” (filosoficamente parlando).

Nella prima si conosce attraverso i sensi, per pura intuizione, nella seconda si arriva alla conoscenza attraverso il ragionamento. Nella prima “vedi” è già sai, nella seconda ti devi  convincere di sapere.

In quest’anno ho avuto la conferma che il mio primo “sentire” Hellah , il mio primo “vederla”  per come poi si è rivelata essere,  è stata intuizione pura e folgorante.

Lei e solo lei poteva essere, lei è solo lei poteva esistere, lei e solo lei potevo amare.

Può esistere l’intuizione di un amore? Parlo di amore non di infatuazione o passione. Oggi rispondo di sì, può esistere ed esiste e non mi servono ragionamenti per dirlo o dimostrarlo.

Lo so e basta.

Ho amato Hellah da subito e da subito tutto è cambiato e si è trasformato attorno a me. A nulla sono servite azioni di rappresaglia e di disturbo violento messe in campo e tutt’ora in corso.

Ho sperimentato che quando si ama si ama basta e che nulla o nessuno può impedire che ciò accada.

Ho vissuto il primo giorno come vivo questo nella consapevolezza di un sentimento che ritenevo inarrivabile è improponibile, nella certezza dell’esistenza di ciò che ritenevo utopia.

Amare ed essere amati per ciò che siamo e non per ciò che idealizziamo in noi o negli altri, amare ed essere amati per ciò che riceviamo e non per ciò che diamo.

In Hellah e di Hellah amo tutto nulla escluso, amo la giocosità, la riottosità, l’allegria e la tristezza, la sensualità ed il pudore, la sensibilità e la durezza.

Amo il suo essere donna è femmina, il suo saper dosare,il suo saper dare con passione ed il suo riceve con parsimonioso pudore, quasi   con timore riverenziale.

Queste poche righe non vogliono essere una celebrazione ma una testimonianza per tutti coloro che pensano all’amore come una chimera irraggiungibile, come un sogno nel cassetto.

Ebbene per vivere i sogni nel cassetto occorre avere il coraggio e la voglia di aprirlo il cassetto a rischio che assieme ai sogni escano anche gli incubi.

Gli incubi poi andranno combattuti ed i sogni coltivati.

Dominjus

cuori